Nikos Economopoulos


Nato nel Peloponneso, in Grecia, nel 1953, dopo aver studiato legge in Italia, a Parma, lavora per molti anni come giornalista per quotidiani e periodici greci. Dopo alcuni anni di pratica della fotografia come amatore, Nikos abbandona il mondo della scrittura per dedicarsi alla fotografia professionale nel 1988.

Due anni dopo inizia a collaborare per la prestigiosa agenzia Magnum Photos, diventandone membro nel 1994. Il lavoro di Economopoulos si incentra sui grandi avvenimenti e le trasformazioni geopolitiche che hanno caratterizzato la storia contemporanea della penisola balcanica, prestando particolare attenzione ai confini e alle migrazioni legali e non.


I paesaggi e le figure del fotografo greco diventano elementi linguistici di una documentazione che l’interpretazione rende narrazione, racconto, poesia. La fotografia di Nikos Economopoulos si lancia alla scoperta di paesi che non sono così distanti dall’Europa occidentale, ma in cui il tempo sembra essersi fermato.

Tuttavia, ogni immagine sembra in movimento. Istantanee di vita, scorci di volti, conversazioni, profili e ombre. Economopoulos scatta fotografie facendo attenzione a non mostrare solo ciò che entra nella cornice.

Se è vero che le sue immagini riprendono spesso persone ai margini, minoranze etniche, clandestini, rifiutati e zingari, non cercano il sensazionalismo, mostrandoci i dettagli della vita quotidiana e momenti di condivisioni pieni di umanità.

Source: fotografiaartistica.it